Capire il visto E-2: Un percorso per gli investimenti e la crescita economica negli Stati Uniti.

Gli investitori con visto E-2 sono un gruppo unico di persone o aziende provenienti da Paesi che condividono trattati commerciali con gli Stati Uniti. Il loro obiettivo è portare innovazione e crescita economica negli Stati Uniti supervisionando un'impresa nuova o esistente in cui hanno effettuato un investimento significativo di capitale. Lo status di visto E-2 è disponibile anche per le persone impiegate da un investitore o da un'impresa convenzionata che ricoprono una posizione esecutiva o che possiedono competenze specialistiche fondamentali per il funzionamento dell'impresa. Il criterio fondamentale è che l'investitore o il datore di lavoro deve possedere la nazionalità del Paese convenzionato, che può essere verificata con un passaporto di quel Paese.

Requisiti di investimento per il visto E-2

L'investitore con visto E-2 deve assicurarsi che i suoi fondi o beni siano direttamente associati a lui. La documentazione che traccia l'origine di questi fondi è un requisito obbligatorio. Vale la pena notare che un investimento implica un'esposizione al rischio. L'investimento per il visto E-2 non è passivo, il che significa che gli investimenti esclusivamente in proprietà o immobili, se non richiedono una gestione attiva e si limitano ad apprezzarsi nel tempo, non si qualificano come investimenti per il trattato E-2. Inoltre, l'investitore deve dimostrare di avere fonti di reddito alternative per sostenere se stesso e la propria famiglia mentre l'investimento matura.

Tra gli esempi di aziende adatte agli investimenti E-2 si possono citare:

  • attività di vendita al dettaglio
  • società di distribuzione
  • ristoranti
  • franchising
  • aziende manifatturiere

Questi tipi di imprese richiedono una gestione e una supervisione attive, in linea con il requisito del visto E-2 per un investimento attivo in cui l'investitore è attivamente impegnato nella gestione dell'impresa.

Richiesta del visto per investitori E-2

Una volta che la domanda di visto E-2 e i documenti di supporto sono stati adeguatamente preparati, vengono presentati alla sezione consolare statunitense competente. Una volta approvato, il visto viene rilasciato e inserito nel passaporto del richiedente e, se del caso, in quello di eventuali familiari. Il visto per investitori E-2 può potenzialmente rimanere valido a tempo indeterminato, a condizione che l'investimento sia mantenuto e che l'attività non sia marginale. In alcuni casi, gli investimenti per il visto E-2 possono essere personalizzati in modo che l'investitore e la sua famiglia possano richiedere un visto E-2. Visto di investimento EB-5.

I familiari possono ottenere il visto E-2

I titolari di visto E-2 hanno il diritto di portare con sé negli Stati Uniti i propri familiari diretti. Il termine "familiari" si riferisce specificamente al coniuge del titolare del visto e a eventuali figli non sposati di età inferiore ai 21 anni. È importante notare che questi familiari non devono necessariamente possedere la stessa cittadinanza del paese del trattato del titolare del visto E-2 principale. Tuttavia, la loro idoneità a rimanere negli Stati Uniti in base allo status di trattato è condizionata. Una volta che il figlio compie 21 anni o si sposa, perde l'idoneità a rimanere negli Stati Uniti in base allo status del trattato E-2. Va inoltre ricordato che la permanenza negli Stati Uniti di ciascun membro della famiglia è subordinata alla presentazione di una domanda di visto separata, che deve essere presentata insieme alla domanda del richiedente principale E-2.

Documentazione richiesta per il visto E-2

L'ottenimento di un investimento E-2 richiede una serie di documenti, come un business plan ben strutturato, la prova di una fonte di finanziamento lecita, la prova di un investimento attivo e altro ancora. Il nostro studio legale è pronto ad aiutarvi a superare questo processo, offrendovi assistenza nell'organizzazione e nella preparazione della documentazione.

Sfruttare la competenza di un esperto di immigrazione per la domanda di visto E-2

Ottenere un visto per investitori E-2 può essere un'impresa complessa che richiede una strategia ben studiata, una preparazione meticolosa e una comprensione completa delle leggi e delle politiche sull'immigrazione. Un avvocato esperto in immigrazione può guidarvi in questo intricato processo, fornendovi consigli su considerazioni chiave come la fonte e l'ammontare dell'investimento, il tipo di impresa e il ruolo dell'investitore nell'azienda.

Dalla fase iniziale di convalida della fonte lecita di fondi alla dimostrazione di un investimento sostanziale in un'impresa in buona fede, il vostro avvocato può aiutarvi a preparare la documentazione necessaria e a presentare un caso convincente al Consolato degli Stati Uniti. Può inoltre fornire consigli strategici per il mantenimento dello status E-2, ad esempio per garantire che l'azienda rimanga attiva e non si limiti a generare un reddito minimo.

Se il vostro obiettivo a lungo termine è quello di ottenere la residenza permanente negli Stati Uniti, un avvocato specializzato in immigrazione può anche consigliarvi sulla possibilità di passare da un visto E-2 a un visto EB-5 per investitori. Questa transizione richiede un'attenta pianificazione, poiché comporta ulteriori impegni, come l'investimento dell'importo minimo richiesto e la creazione di almeno 10 nuovi posti di lavoro a tempo pieno.

La gestione del processo di richiesta del visto E-2 con l'aiuto di un avvocato esperto in immigrazione non solo aumenta le probabilità di successo della domanda, ma offre anche la tranquillità di sapere che i vostri investimenti e i vostri obiettivi di immigrazione sono gestiti da un esperto.

Se avete bisogno di ulteriori informazioni, non esitate a contattaci con il nostro specialista in diritto dell'immigrazione certificato.

Paesi ammissibili al visto E-2

Note specifiche per paese

  1. Cina (Taiwan) - Ai sensi della Sezione 6 del Taiwan Relations Act, (TRA) Public Law 96-8, 93 Stat, 14, e dell'Executive Order 12143, 44 F.R. 37191, il presente accordo, che è stato concluso con le autorità di Taiwan prima del 1° gennaio 1979, è amministrato su base non governativa dall'American Institute in Taiwan, una società senza scopo di lucro del Distretto di Columbia, e non costituisce né il riconoscimento delle autorità di Taiwan né la continuazione di alcuna relazione ufficiale con Taiwan.
  2. Repubblica ceca e Repubblica slovacca - Il Trattato con la Repubblica Federale Ceca e Slovacca è entrato in vigore il 19 dicembre 1992; è entrato in vigore per la Repubblica Ceca e la Repubblica Slovacca come Stati separati il 1° gennaio 1993.
  3. Danimarca - Il Trattato, entrato in vigore il 30 luglio 1961, non si applica alla Groenlandia.
  4. Francia - Il Trattato, entrato in vigore il 21 dicembre 1960, si applica ai dipartimenti di Martinica, Guadalupa, Guyana francese e Riunione.
  5. Giappone - Il Trattato, entrato in vigore il 30 ottobre 1953, è stato reso applicabile alle Isole Bonin il 26 giugno 1968 e alle Isole Ryukyu il 15 maggio 1972.
  6. Olanda - Il Trattato, entrato in vigore il 5 dicembre 1957, è applicabile ad Aruba e alle Antille Olandesi.
  7. Norvegia - Il Trattato, entrato in vigore il 13 settembre 1932, non si applica alle Svalbard (Spitzbergen e alcune isole minori).
  8. Spagna - Il Trattato, entrato in vigore il 14 aprile 1903, è applicabile a tutti i territori.
  9. Suriname - Il Trattato con i Paesi Bassi, entrato in vigore il 5 dicembre 1957, è stato reso applicabile al Suriname il 10 febbraio 1963.
  10. Regno Unito - La Convenzione, entrata in vigore il 3 luglio 1815, si applica solo al territorio britannico in Europa (le Isole Britanniche (eccetto la Repubblica d'Irlanda), le Isole del Canale e Gibilterra) e agli "abitanti" di tale territorio. Questo termine, come usato nella Convenzione, significa "colui che risiede effettivamente e permanentemente in un determinato luogo e vi ha il proprio domicilio". Inoltre, per poter beneficiare dello status di treaty trader o treaty investor ai sensi di questo trattato, lo straniero deve essere cittadino del Regno Unito. Gli individui che hanno la nazionalità di membri del Commonwealth diversi dal Regno Unito non si qualificano per lo status di treaty trader o treaty investor ai sensi del presente trattato.
  11. Jugoslavia - Gli Stati Uniti ritengono che la Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (RSFJ) si sia dissolta e che i successori che la componevano - Bosnia-Erzegovina, Croazia, Repubblica di Macedonia, Slovenia, Montenegro, Serbia e Kosovo - continuino a essere vincolati dal trattato in vigore con la RSFJ al momento della sua dissoluzione.
  12. Il visto E-3 è destinato ai cittadini del Commonwealth dell'Australia che desiderano entrare negli Stati Uniti per svolgere servizi in una "occupazione specializzata". Per "occupazione specializzata" si intende un'occupazione che richiede l'applicazione teorica e pratica di un insieme di conoscenze altamente specializzate e il conseguimento di una laurea o di un titolo superiore nella specifica specializzazione (o equivalente) come requisito minimo per l'accesso all'occupazione negli Stati Uniti. La definizione è la stessa della legge sull'immigrazione e la nazionalità (Immigration and Nationality Act) che definisce un'occupazione speciale H-1B.
  13. Bolivia - I cittadini boliviani con investimenti qualificati effettuati negli Stati Uniti entro il 10 giugno 2012 continuano ad avere diritto alla classificazione E-2 fino al 10 giugno 2022. Gli unici cittadini boliviani (diversi da quelli che hanno diritto allo status di derivato sulla base di un rapporto di parentela con uno straniero principale E-2) che possono avere diritto ai visti E-2 in questo momento sono i richiedenti che vengono negli Stati Uniti per intraprendere un'attività E-2 a favore di investimenti coperti stabiliti o acquisiti prima del 10 giugno 2012.
  14. I cittadini ecuadoriani con investimenti qualificati negli Stati Uniti entro il 18 maggio 2018 continuano ad avere diritto alla classificazione E-2 fino al 18 maggio 2028. Gli unici cittadini dell'Ecuador (diversi da quelli che hanno diritto allo status di derivato sulla base di un rapporto di parentela con uno straniero principale E-2) che possono qualificarsi per i visti E-2 in questo momento sono i richiedenti che vengono negli Stati Uniti per intraprendere un'attività E-2 a favore di investimenti coperti stabiliti o acquisiti prima del 18 maggio 2018.
  15. Israele: Ai sensi del trattato di amicizia, commercio e navigazione tra gli Stati Uniti e Israele, entrato in vigore il 3 aprile 1954, i cittadini di Israele hanno diritto allo status di E-1 ai fini dell'attività commerciale. I cittadini di Israele non hanno diritto alla classificazione E-2 per gli investitori ai sensi del trattato. La legge pubblica 112-130 (8 giugno 2012) riconosce ai cittadini israeliani lo status E-2 ai fini del trattato di investimento se il governo di Israele offre uno status analogo di non immigrato ai cittadini statunitensi. Il Dipartimento ha confermato che Israele offre ai cittadini statunitensi un trattamento di reciprocità in materia di investitori previsti dal trattato e che il visto E-2 può essere rilasciato ai cittadini israeliani a partire dal 1° maggio 2019.

  16. Nuova Zelanda: La legge pubblica 115-226, promulgata il 1° agosto 2018, ha concesso ai cittadini della Nuova Zelanda lo status di E-1 ed E-2 ai fini del trattato di commercio/investimento se il governo della Nuova Zelanda offre uno status di non immigrante simile ai cittadini degli Stati Uniti. Il Dipartimento ha confermato che la Nuova Zelanda offre uno status di non immigrato simile ai cittadini statunitensi e i visti E possono essere rilasciati ai cittadini neozelandesi a partire dal 10 giugno 2019.

blogMail

Chiedici

La tua domanda

  • Saremo felici di darti una chiamata a nostre spese.
  • Seleziona un problema di immigrazione con il quale hai bisogno di assistenza.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Il nostro contatto
Informazione

info@harrislawpa.com

L'edificio di Ingraham
25 SE 2nd Avenue, Ste. 828
Miami, Florida 33131

© Copyright 2015, HarrisLaw PA Tutti i diritti riservati.  Questo sito sviluppato da noi.
Vai al contenuto